Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

COVID-19

I piani della Spagna prevedono ritorno alla “nuova normalità” entro la fine di giugno

La Spagna eliminerà il suo rigoroso blocco in quattro fasi fino alla fine di giugno, ha affermato il Primo Ministro Pedro Sanchez

La Spagna ha annunciato un piano in quattro fasi per revocare il rigoroso blocco dovuto al coronavirus e tornare a una “nuova normalità” entro la fine di giugno.

Il primo ministro Pedro Sanchez ha affermato che ogni regione allenterà le restrizioni a un ritmo diverso, a seconda della gravità del suo scoppio.

Quattro isole spagnole saranno le prime a facilitare le misure dal 4 maggio, con il resto della Spagna una settimana dopo.

L’epidemia di coronavirus in Spagna ha finora ucciso quasi 24.000 persone.

Il paese ha subito alcune delle misure di contenimento più difficili al mondo dal 14 marzo, con i bambini vietati di uscire per sei settimane.

Pubblicità. Scrolla per continuare a leggere.

Ci sono segni che l’epidemia è ora in declino. Martedì il bilancio giornaliero delle morti di virus registrate in Spagna è stato di 301, secondo il suo ministero della salute, rispetto a un massimo di 950 ai primi di aprile. Martedì anche il numero di nuove infezioni è sceso a 1.308, il livello più basso da quando la Spagna ha dichiarato lo stato di allarme il 14 marzo.

Domenica, i bambini spagnoli di età inferiore ai 14 anni sono stati finalmente autorizzati a lasciare le loro case – per un’ora al giorno, tra le 09:00 e le 21:00.

A partire dal 2 maggio, al resto della popolazione sarà consentito anche un breve esercizio all’aperto e passeggiate, se il tasso di infezione continua a diminuire.

In che modo la Spagna lascerà il blocco?

La Spagna ha già fatto un primo passo , consentendo ai lavoratori di produzione, costruzione e alcuni servizi di tornare al lavoro dal 13 aprile.

Martedì, il primo ministro ha delineato un piano di de-escalation più completo con quattro fasi, ognuna delle quali dovrebbe durare circa due settimane. Ha detto che il processo richiederebbe un minimo di sei settimane e, si spera, non più di otto.

Pubblicità. Scrolla per continuare a leggere.

“Entro la fine di giugno, come paese saremo entrati nella nuova normalità se l’epidemia rimane sotto controllo”, ha detto.

Prima che inizi il piano, ci sarà una “fase zero” preparatoria dal 4 all’11 maggio, in cui i parrucchieri e le altre aziende che prendono appuntamenti possono riaprire, i ristoranti possono offrire servizi da asporto e le leghe sportive professionistiche torneranno all’allenamento .

Sanchez ha affermato che le province passeranno a fasi meno restrittive in base ai tassi di infezione, alla capacità ospedaliera locale e alla misura in cui sono state osservate le misure di distanza.

Il governo vuole che i lavori a distanza continuino ove possibile fino a giugno, quando dovrebbe essere imposta la quarta e ultima fase.

La Spagna ha evitato di fissare scadenze specifiche per l’allentamento del blocco in modo da non perderle se la situazione cambiasse, ha detto il Primo Ministro.

Pubblicità. Scrolla per continuare a leggere.

Cosa riapre quando?

  • Le piccole imprese e gli hotel possono aprire dall’11 maggio, ma il distanziamento sociale rimarrà in vigore
  • Sebbene alcune scuole riapriranno a fine maggio, la maggior parte rimarrà chiusa fino a quando il nuovo anno scolastico non inizierà a settembre, in linea con una decisione simile in Italia . Al contrario, la Francia ha presentato i programmi martedì per riprendere gradualmente le lezioni dall’11 maggio
  • I ristoranti possono iniziare ad aprire le loro terrazze da metà maggio, ma non devono essere pieni del 30% durante la prima fase
  • I servizi religiosi possono riprendere su base limitata dall’11 maggio, a non più di un terzo della capacità dell’edificio
  • Teatri e cinema riapriranno da fine maggio, ma di nuovo non devono essere pieni di un terzo
  • I negozi possono aprire a metà capacità da circa la fine di giugno, con due metri tra i clienti
  • Le spiagge dovrebbero riaprire a fine giugno

Sanchez ha detto agli spagnoli: “Stiamo iniziando a intravedere un risultato che sarà una ricompensa per l’enorme sforzo collettivo fatto nelle ultime settimane”.

Ma ha avvertito che “il virus è ancora in agguato”.

“Ora tocca alle persone, stiamo intraprendendo un viaggio senza una precisa mappa del percorso. […] Ciò che abbiamo realizzato è enorme, ma potrebbe andare tutto perso se non ci prendiamo cura l’uno dell’altro.”

L’economia spagnola è stata colpita dall’impatto del virus e la Banca di Spagna prevede che la disoccupazione potrebbe salire al 21,7% quest’anno.

Sanchez ha affermato che si sta profilando una recessione di “portata straordinaria”, che richiederebbe una risposta straordinaria da parte dell’UE.

Pubblicità. Scrolla per continuare a leggere.
Redazione
Written By

Pubblicità

Di tendenza

Pubblicità

Potrebbe interessarti

COVID-19

Il numero di decessi per coronavirus in Italia ora supera i 30.000, hanno annunciato i funzionari venerdì.

Dal Mondo

Diverse organizzazioni delle Nazioni Unite stanno lanciando l'allarme per "migliaia di rifugiati e migranti in difficoltà" in mare nel Golfo del Bengala e nel...

COVID-19

Il coronavirus sta mutando per diventare più debole o più contagioso o è troppo presto per dirlo?

COVID-19

Il coronavirus potrebbe circolare in Europa già dalla fine del 2019, molte settimane prima che fosse ufficialmente riconosciuto e dichiarato una minaccia? Questo è...

Copyright © 2020 TIP - THE ITALIAN POST - P.IVA 15575391006 - Roma