Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

COVID-19

I gabbiani di Roma danno la caccia a topi e piccioni mentre il blocco li fa morire di fame

“Stanno catturando principalmente piccioni ma anche rondini e uccelli neri … Fortunatamente mangiano anche topi”, dice lo zoologo

“Stanno catturando principalmente piccioni ma anche rondini e uccelli neri … Fortunatamente mangiano anche topi”, dice lo zoologo

I gabbiani a Roma stanno “tornando” al loro stato naturale di predatori, dando la caccia a topi, piccioni e altri uccelli più piccoli, poiché la mancanza di umani nelle strade significa che non si possono trovare avanzi di cibo.

L’Italia è in blocco da ormai quasi due mesi per rallentare la diffusione del coronavirus , dal 9 marzo. Tutti i ristoranti e i caffè sono chiusi e le strade della capitale sono state prive degli umani dai quali i gabbiani raccolgono solitamente avanzi di cibo.

Bruno Cignini, uno zoologo dell’Università di Roma Tor Vergata, ha detto al quotidiano locale Corriere della Sera che i gabbiani “stanno tornando a essere predatori”.

“Stanno catturando principalmente piccioni ma anche rondini e uccelli neri. Stanno anche cercando il pesce nel Tevere “, ha detto.

Pubblicità. Scrolla per continuare a leggere.

“Fortunatamente, stanno anche mangiando topi. Gli animali stanno cambiando le loro abitudini mentre cambiamo le nostre. “

Mangiare piccioni e ratti non è una nuova scelta dietetica per i gabbiani, ma di solito beccano la preda che è morta uccisa in strada. Ora, le specie conosciute come Gabbiani a zampe gialle stanno affinando i loro istinti killer per la sopravvivenza.

La popolazione di gabbiani a Roma è cresciuta fino a decine di migliaia e sono in gran parte considerati parassiti aggressivi che si tuffano su ignari turisti e strappano loro il cibo direttamente dalle mani.

Il problema della spazzatura della città – bollato come una “crisi” dai medici di Roma l’anno scorso – attira i gabbiani e altri animali indesiderati come il cinghiale, il cipriota – un roditore del Sud America originariamente introdotto in Italia per essere allevato per la loro pelliccia – e parrocchetti, rendendolo un pericolo per la salute.

L’anno scorso, Matteo Salvini, ex vice primo ministro e capo del partito della Lega, ha affermato che i gabbiani erano “delle dimensioni di pterodattili”.

Pubblicità. Scrolla per continuare a leggere.
Redazione
Written By

Pubblicità

Di tendenza

Pubblicità

Potrebbe interessarti

COVID-19

Il numero di decessi per coronavirus in Italia ora supera i 30.000, hanno annunciato i funzionari venerdì.

Dal Mondo

Diverse organizzazioni delle Nazioni Unite stanno lanciando l'allarme per "migliaia di rifugiati e migranti in difficoltà" in mare nel Golfo del Bengala e nel...

COVID-19

Il coronavirus sta mutando per diventare più debole o più contagioso o è troppo presto per dirlo?

COVID-19

Il coronavirus potrebbe circolare in Europa già dalla fine del 2019, molte settimane prima che fosse ufficialmente riconosciuto e dichiarato una minaccia? Questo è...

Copyright © 2020 TIP - THE ITALIAN POST - P.IVA 15575391006 - Roma